nuovo lockdown come affronto la paura di un nuovo cambiamento

Il segreto del cambiamento è nel concentrare la tua energia non nel combattere il vecchio ma nel costruire il nuovo
Socrate

 

La televisione, la radio, l’online, tutto parla di un nuovo potenziale lockdown generando nuovo sconforto, paura, terrore, rabbia, frustazione. In questi giorni mi sono sentita di nuovo sballottata tra una notizia e l’altra, tra un cambio di decreto e quello successivo, tra una mascherina e l’altra. Un nuovo cambiamento che ho vissuto in modo diverso dal precedente e che ho scelto di condividere qui con te attraverso questo articolo.

LA SCRITTURA E I SUOI BENEFICI

Scrivere mi ha sempre aiutato. E’ un’attività che amo fare tanto che, prima o poi, avrei voglia di iniziare anche la scrittura di un mio libro. Ho iniziato a scrivere sul diario a partire dall’adolescenza (non so tu che mi leggi se hai ricordo delle mitiche e magiche Smemoranda!!! Per me non erano solo dei diari scolastici; diventavano dei veri e propri tomi perchè all’interno ci scrivevo e appiccicavo tutto ciò che in quel preciso istante mi aiutava ad elaborare un’emozione o a fare mio un momento di vita).

Ti sto raccontando questo pezzetto della mia vita per dirti che ancora oggi per me la scrittura rappresenta il miglior modo per fluire insieme al cambiamento e per svolgere una serie di funzioni:

Comunicare ovvero trasmettere tutto ciò che ho dentro, condividerlo con chi mi legge o chi mi ascolta, accogliere il suo punto di vista, integrare ciò che ritengo possa arricchirmi, crescere

Integrare ovvero dare modo a me stessa di cambiare, arricchire, migliorare il mio pensiero attraverso la condivisione

Conoscere ovvero entrare in contatto con nuove parti di me e conoscere sempre meglio me stessa e i miei lati inesplorati

Elaborare ovvero lasciar fluire sulla carta o sulla pagina bianca del pc tutte le emozioni connesse ad una particolare stato d’animo, quello associato alla situazione che vivo in quel preciso istante

Anche nel mio lavoro, ed in particolare nel Counseling, la scrittura ha un ruolo davvero importante. Favorisce una riflessione profonda sulla situazione che la persona sta vivendo, aiutandola a prendere un po’ più di distanza, a disidentificarsi dal fatto e dal problema favorendo così una migliore risoluzione dello stesso. Allo stesso modo oggi per me parlare di questo argomento con te che mi leggi ha lo stesso ruolo.

UN’ATTESA SCONFORTANTE

Qualche giorno fa ho vissuto una giornata davvero sconfortante. Il continuo cambiamento di decreto e delle regole annesse, la ripresa nel tenere la mascherina anche all’esterno, la parola “nuovo potenziale lockdown” che aleggiava nell’aria. Ad un certo punto mi sono sentita la testa scoppiare; sentivo i pensieri che viaggiavano alla velocità della luce. Da una parte avrei voluto staccare tutte le spine per non sentire più alcuna notizia negativa, dall’altra mi rendevo conto di non potermi isolare dal mondo.

 

Lo sconforto è arrivato in compagnia di molto rabbia, paura e un pesante senso di frustrazione.

Da quando abbiamo iniziato a vivere “la fase covid” in questo 2020 è stata la prima, primissima volta in cui mi sono sentita così carica di emozioni, quasi sovrastata dalle stesse. Nello stesso momento in cui me ne sono accorta e sono riuscita a dare un nome a ciò che sentivo muoversi dentro, mi sono fermata e mi è venuto spontaneo domandarmi quale fosse stata la causa principale di questo mio sgomento, anche in virtù del fatto che era proprio la prima volta che lo vivevo in modo così intenso. Mi sono risposta “questa logorante attesa” e, dopo quel momento, ho capito una cosa importante.

Che non stavo vivendo il presente! La mia testa e i pensieri erano più che altro focalizzati sul passato, su quanto abbiamo già vissuto e sul fatto che non volevo ritornare nella stessa condizione o in una peggiore. Sulla paura per un futuro che aveva tutta l’aria di essere molto diverso da quello che mi stavo immaginando. Rimbalzavo tra passato e futuro senza restare nell’unico tempo in cui aveva senso rimanere: il presente. E in generale, anche confrontandomi con amici, famiglia, colleghi e clienti mi sono accorta di come oggi, rispetto alla scorsa primavera in cui per la prima volta siamo stati investiti da questo travolgente evento, ci siano meno energie, minore capacità di accettazione, maggior rimuginio mentale, maggiori emozioni destabilizzanti. Insomma, lo scorso lockdown è stato un evento che in qualche modo, in chi più e in chi meno, ha lasciato un segno. E di quel segno oggi portiamo ancora la cicatrice, anzi forse la ferita aperta.

COME HO AFFRONTATO IL MOMENTO

Già, per me l’attesa è stata pesante ed è ancora l’aspetto di tutta questa faccenda che fatico a gestire. L’attesa che tutto finisca, di una nuova modalità, di un rinnovato benessere. Allo stesso tempo questa attesa mi ha permesso di fare un passaggio e di cogliere alcuni stimoli utili per affrontare questo momento.

Quando è troppo, basta davvero

Le notizie che ogni giorno invadono la scena in ogni canale di comunicazione per me, a volte, sono davvero troppo. Mi rendo perfettamente conto della necessità di restare informata e, al tempo stessa, ho deciso di ascoltarmi al fine di accorgermi quando questo arriva per me ad un livello eccessivo.

Ascoltare le sensazioni del mio corpo, le emozioni che si muovono in esso e i pensieri che spaziano nella mente mi dà modo di accorgermi fino a che punto una cosa è buona per me e, al contrario, quando fermarmi. Mi sono data il permesso di restare nell’area che mi fa stare bene. Quando le notizie sconfinano dal perimetro e per me è troppo mi dico “basta davvero” e mi sconnetto dalle varie comunicazioni. Scelgo di tutelarmi.

Non giudico

Le emozioni che sperimento in questo momento sono cariche di tante sfumature. Una rabbia può essere rafforzata dalla paura, appesantita dallo sconforto e aggravata dalla tristezza. Scelgo di lasciare che tutto si manifesti così come è, camminando insieme al cambiamento, senza giudicare le emozioni che provo bensì lasciandole scorrere così come sono arrivate. Mi rendo conto che a volte può non essere semplice riuscire a farlo. Accetto anche questo. Quando non è semplice lascio comunque che fluisca, che scivoli, senza fare resistenza. Questo mi dà modo di accorgermi che, passata la tempesta, torna sempre il sereno.

Apro la mia cassetta

Siamo tutti dotati di una cassetta degli attrezzi all’interno della quale teniamo il kit di strumenti utili per affrontare i piccoli o grandi problemi all’interno di casa nostra. Utilizzo lo stesso paragone quando lavoro con le mie clienti in un percorso di Counseling attraverso il quale lavoriamo proprio con lo scopo di andare a rimpolpare questa cassetta affinchè, al suo interno, sia presente un maggiorn numero di risorse da utilizzare quando servono per affrontare il cambiamento. In questo momento mi metto al servizio di me stessa e sfrutto ogni difficoltà per andare a recuperare nella mia cassetta la giusta risorsa da usare e per arricchirla di nuovi strumenti utili.

Questo è ciò che faccio per affrontare al meglio questo nuovo cambiamento. Puoi trarre spunto da quanto scritto e trovare gli strumenti migliori per te, sapendo che laddove senti di non farcela da solo o di fare davvero grande fatica a procedere, allungare una mano e chiedere aiuto è un gesto ricco di consapevolezza, di coraggio che ti fa onore e alimenta la tua speranza.

 

Ci sono sempre due scelte nella vita: accettare le condizioni in cui viviamo o assumersi la responsabilità di cambiarle.
Denis Waitley

Pubblicato il: 01/11/2020

Chi sono

Fabiana Pozzi

Ti aiuto a CREARE equilibrio e benessere nel tuo quotidiano, attraverso l’ascolto di te e dei tuoi bisogni, agevolandoti nella riscoperta delle risorse che migliorano la qualità della tua vita, rendendola esattamente ciò che desideri.

Scopri di più

Seguimi

Rubriche

In tutto ciò che devi far il lato bello puoi trovar Mary Poppins Sei pronta per un primo passo verso la tua Leggerezza?  AlloraLeggi tutto

23/04/2021

Ieri è storia... domani è un mistero... oggi è un regalo ed è per questo che si chiama presente! Eleanor Anna Roosevelt Vivere ilLeggi tutto

07/05/2021

Due sfumature di ciò che intendo quando parlo di Leggerezza, affinchèLeggi tutto

28/03/2021

Come migliorare la tua autostima partendo dal tuo corpo

17/05/2021

Seguimi su Instagram

fabiana_creatricedileggerezza