come affrontare un cambiamento in modo efficace e ottimale

Cambiare è la regola della vita. E quelli che guardano solo al passato o al presente, certamente perderanno il futuro.
John Fitzgerald Kennedy

 

Credo a tutti gli effetti che il cambiamento faccia parte della nostra vita in modo molto più marcato di quanto possiamo immaginare. Ed è per questo che oggi non possiamo più permetterci di temerlo ma dobbiamo imparare ad affrontarlo in modo efficace.

IL CAMBIAMENTO AI NOSTRI TEMPI

Quest’anno il Corona virus ci ha senza ombra di dubbio messo di fronte ad un grande cambiamento e, in particolare, del tutto inaspettato. Ci siamo trovati ad affrontare qualcosa che non eravamo pronti a gestire né da un punto di vista organizzativo, né tantomeno emotivo. E’ stato davvero un cambiamento di portata epocale.

Quello che accade nella Vita di tutti i giorni è che più cambiamenti si susseguono senza sosta senza che ce ne rendiamo conto. Gli imprevisti cambiano i nostri impegni, cambiamo strada a causa di lavori in corso, le nostre cellule cambiano e si rinnovano con costanza, cambiamo gusti nel mangiare e nel vestire. Insomma, se ti fermi a riflettere un solo istante ti renderai conto di quanto tu sia così spesso in contatto con questo processo. E nonostante questo, ancora oggi pensare al cambiamento fa paura.

 

Per tutti i cambiamenti importanti dobbiamo intraprendere un salto nel buio.
William James

 

IL CICLO DEL CAMBIAMENTO

Don Kelley e Daryl Conner sono due ricercatori americani che, verso la fine degli anni ’70, si sono occupati di studiare un target di persone che hanno scelto di affrontare un cambiamento in modo volontario, arrivando a definire come conclusione il Ciclo Emotivo del Cambiamento! I due studiosi si sono infatti resi conto che tutte le persone che sceglievano di vivere un cambiamento si ritrovavano a dover superare cinque tappe comuni. Vediamole insieme.

FASE 1: OTTIMISMO INGIUSTIFICATO

Hai mai fatto caso a come ti senti quando stai per intraprendere qualcosa di nuovo? O stai iniziando un nuovo progetto? Scommetto che ti senti euforico, felice, motivato ed elettrizzato a 1000. Anche se, all’atto pratico, non c’è ancora un reale motivo che giustifichi quel tuo stato d’animo.

Mi viene in mente, per esempio, il 1° gennaio di ogni anno quando centinaia, anzi migliaia di persone si ripromettono con grinta, convinzione e grande motivazione di fare, durante l’anno, tutta una serie di attività (andare in palestra regolarmente, leggere almeno un libro al mese…) che non sono riusciti a portare a termine in quello precedente. Sei forse anche tu o ti sei forse trovato anche tu all’interno di questo elenco? Mi sa che una volta nella vita ci siamo finiti tutti.

Questa fase è destinata a durare molto poco.

FASE 2: PESSIMISMO GIUSTIFICATO

Dopo qualche settimana, infatti, per non dire dopo solo qualche giorno, tutti questi ottimi e meravigliosi propositi sono naufragati nel nulla. Come se non fossero mai esistiti. L’entusiasmo è stata inglobato dalla realtà che, con le sue difficoltà, ci mostra le cose esattamente per come sono. Iniziamo a demoralizzarci, a perderci d’animo, a pensare di non farcela e a formulare tutta una serie di pensieri che limitano bruscamente le nostre energie e la voglia di procedere.

Entriamo così nella Valle della Disperazione dove ben il 90% di coloro che iniziano un cambiamento, si ferma. Il 90%!!! In questa valle tutto diventa arido, le idee negative prendono letteralmente il sopravvento e, la quasi totalità delle persone, molla.

FASE 3: REALISMO

Dopo esserci massacrati nella Valle della Disperazione, se siamo riusciti a sopravvivere a tutte le forze che hanno tentato di spingerci verso il basso e di trascinarci nell’abisso, abbiamo la fortuna di vedere in faccia la realtà esattamente per quella che è. Potremmo così accorgerci che in effetti il cambiamento che ci siamo prefissati di raggiungere non è proprio una passeggiata nella natura e, allo stesso tempo, avremo modo anche di verificare che possiamo procedere lentamente e un passo alla volta per riuscire a concretizzarlo.

Forse ti sembrerà strano ma questa è in assoluto la fase più importante delle 5 di tutto il Ciclo. Una volta che inizierai a risalire, il tuo stato emotivo cambierà e inizierà a ritrovare un buon equilibrio.

FASE 4: OTTIMISMO GIUSTIFICATO

E infatti giungerai pian piano a ritrovare un sano ottimismo che, questa volta, sarà giustificato dal raggiungimento dei primi risultati. In questa fase inizieranno ad arrivare le prime gratificazioni che ti aiuteranno a ritrovare quel livello di energia con cui eri partito.

FASE 5: CONCLUSIONE

Il ciclo si conclude a questo punto e a te resta una parte ancora molto importante da mettere in atto: celebrare i risultati ottenuti festeggiando.

Anche questa è una fase estremamente delicata perché attivarti per festeggiare non è semplicemente un divertimento ma è un modo per riconoscere a te stesso gli sforzi fatti, l’impegno messo e le energie impiegate nel portare avanti l’intero progetto. Non celebrare significa dare per scontato quanto hai raggiunto e questo potrebbe essere davvero il più grande errore che tu possa commettere.

UN REGALO PER TE

Magari ti starai dicendo: “Eh adesso che so quali sono le 5 fasi del cambiamento come posso affrontarle in modo efficace e ottimale?

Al termine di queste vacanze estive ho proprio deciso di ripartire facendoti un regalo. Poiché spesso settembre è il nostro secondo capodanno e quindi un periodo in cui, carichi di energia, scegliamo di mettere in atto una serie di cambiamenti, ho deciso di creare un PDF gratuito all’interno del quale, per ogni singola fase che hai visto descritta qui, donarti alcuni passaggi per procedere al meglio e avanzare in quella successiva.

Come puoi fare per ottenerlo? Se sei iscritto alla mia Newsletter lo riceverai direttamente nella posta, se invece ancora non sei iscritto e desideri ricevere il documento clicca sul riquadro rosa qui sotto. Ti aspetto.

 

C’è tanta gente infelice che tuttavia non prende l’iniziativa di cambiare la propria situazione perché è condizionata dalla sicurezza, dal conformismo, dal tradizionalismo, tutte cose che sembrano assicurare la pace dello spirito, ma in realtà per l’animo avventuroso di un uomo non esiste nulla di più devastante di un futuro certo. La gioia di vivere deriva dall’incontro con nuove esperienze, e quindi non esiste gioia più grande dell’avere un orizzonte in costante cambiamento, del trovarsi ogni giorno sotto un sole nuovo e diverso… Non dobbiamo che trovare il coraggio di rivoltarci contro lo stile di vita abituale e buttarci in un’esistenza non convenzionale.
Dal film Into the Wild

Pubblicato il: 30/08/2020

Chi sono

Fabiana Pozzi

Ti aiuto a CREARE equilibrio e benessere nel tuo quotidiano, attraverso l’ascolto di te e dei tuoi bisogni, agevolandoti nella riscoperta delle risorse che migliorano la qualità della tua vita, rendendola esattamente ciò che desideri.

Scopri di più

Seguimi

Rubriche

In tutto ciò che devi far il lato bello puoi trovar Mary Poppins Sei pronta per un primo passo verso la tua Leggerezza?  AlloraLeggi tutto

23/04/2021

Ieri è storia... domani è un mistero... oggi è un regalo ed è per questo che si chiama presente! Eleanor Anna Roosevelt Vivere ilLeggi tutto

07/05/2021

Due sfumature di ciò che intendo quando parlo di Leggerezza, affinchèLeggi tutto

28/03/2021

Quattro benefici che puoi trarre dallo scrivere un tuo diarioLeggi tutto

11/04/2021

Seguimi su Instagram

fabiana_creatricedileggerezza